Domenica, 23 Settembre 2018
OP. ODISSEA

Testimoni di giustizia
ritenuti inattendibili

op. odissea, Catanzaro, Calabria, Archivio

Il gup Gabriella Lupoli ha depositato le motivazioni della sentenza a carico di nove persone coinvolte nell’operazione denominata Odissea – portata avanti della Dda – e nei confronti delle quali era caduta l’a g g r avante delle modalità mafiose. Al termine del processo erano stati condannati a otto anni e 5 mesi Massimo Guastalegname e a sei anni il fratello, Leonardo Guastalegname. A vario titolo erano accusati di usura, estorsione e rapina. Altre sei persone, invece, sono state assolte perché il fatto non sussiste, mentre per uno degli imputati il gup ha dichiarato il non luogo a procedere. L’intero procedimento si è basato sulle dichiarazione dei testimoni di giustizia: Giuseppe Grasso
e della moglie Francesca Franzè i quali sono stati ritenuti inattendibili da parte del gup. Credibili, invece, i fatti denunciati dal collaboratore di giustizia Giuseppe Francolino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X