Lunedì, 24 Settembre 2018
GUERRA DI MAFIA

I fratelli Patania e
la madre mantengono
il silenzio

guerra di mafia, Catanzaro, Calabria, Archivio

In cinque si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, mentre un sesto ha scelto una diversa strategia difensiva. Scena muta, dunque, davanti al gip Gabriella Lupoli, da parte di diversi componenti della famiglia Patania. In particolare si sono avvalsi del silenzio, come era nella loro facoltà, i fratelli Giuseppe e Salvatore Patania e lo stesso, ma nel pomeriggio davanti al gip di Reggio Calabria, ha fatto Giuseppina Iacopetta, madre dei Patania. Identica linea per Andrea Nicola Patania, cugino di Giuseppe e Salvatore,
anch’egli comparso davanti al gip Lupoli dove si sono svolti gli interrogatori per rogatoria. A Cosenza, invece, è stato interrogato Cosimo Francesco Caglioti, anche lui legato da rapporti di parentela ai Patania, ma pure in questo caso la scelta è stata quella del silenzio. Ha invece risposto alle domande poste per rogatoria dal gip Lupoli Giovanni Battista Bartalotta (detto Titta) – difeso dall’avv. Francesco Sabatino – il quale avrebbe inoltre contestato ogni addebito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X