Venerdì, 21 Settembre 2018
GUERRA DI MAFIA

La comunità si stringe
attorno al parroco

santaguida, Catanzaro, Calabria, Archivio
don santaguida

Don Salvatore Santaguida ha “lasciato” ieri la comunità di Stefanaconi ubbidendo in questo modo al “consiglio” del vescovo mons. Luigi Renzo che lo aveva esortato a prendere un periodo di riposo per sfuggire alla pressione dei media. Il parroco è indagato di associazione di stampo mafioso. A tirarlo in ballo i collaboratori di giustizia
Loredana Patania e Daniele Bono, secondo i quali avrebbe fornito delle informazioni a esponenti dei Patania di Stefanaconi in guerra con i Piscopisani. Don Salvatore ieri ha messo ordine all’interno della canonica, ha ricevuto tanta gente e tantissime telefonate. Una vera e propria gara di solidarietà di fronte alla quale il sacerdote ha avuto dei momenti di commozione. «Se debbo essere sincero – ha detto tra le altre cose il parroco – mi dispiace molto dove lasciare la mia comunità nel periodo della Novena del
Santo Natale. Ma non importa...». Al fianco del sacerdote si è schierata tutta la parrocchia che tre giorni fa ha organizzato una veglia di preghiera dedicata non solo a don Santaguida ma anche a tutti coloro che stanno indagando sul suo conto nella «speranza che vengano illuminati dalla luce del signore, perché solo la luce – hanno detto alcuni giovani che ieri si trovavano nei pressi della chiesa di San Nicola – illumina la strada che porta alla verità».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X