Domenica, 23 Settembre 2018
OP. VARENNE

Catanzaro, chiuse
indagini per 17
su traffico droga

varenne, Catanzaro, Calabria, Archivio

Il sostituto procuratore della Dda, Simona Rossi, ha emesso l'avviso di conclusione indagini nei confronti delle persone indagate. Le indagini, condotte dai militari della Guardia di finanza, hanno portato ad individuare un'organizzazione dedita al traffico ed allo spaccio di ingenti quantità di marijuana e hascisc in provincia di Catanzaro. La droga veniva acquistata a Napoli e nella zona della Locride per essere spacciata a Catanzaro, Squillace e nella zona delle località turistiche della fascia jonica catanzarese. Il gruppo di spacciatori è stato individuato attraverso una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali. I finanzieri hanno iniziato ad indagare dopo aver notato un incremento dell'attività di spaccio di hascisc e marijuana. Effettuando accertamenti su coloro che acquistavano la droga si è poi risaliti ai componenti dell'organizzazione. (ANSA).

Le persone finite a suo tempo in carcere sono per la maggior parte vecchie conoscenze delle cronache giudiziarie. Si tratta dei fratelli Francesco Agostino, detto Ciccio, 27 anni, e Saverio Agostino, 24, residenti a Marina di Gioiosa Jonica (Rc); di Domenico Amato, detto Mimmo, 24, residente a Catanzaro; di Sergio Rubino, alias “U cinese”, 35, residente a Catanzaro; di Nicola Tavano, detto Nico, 36, residente a Catanzaro; di Rhama Ungaro, 26, nato in India ma residente a Squillace. Agli arresti domiciliari sono finiti invece Ivan Commisso, 24, residente a Vallefiorita e Pina Zangari, 43, residente a Borgia. Infine, la misura più lieve dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria è stata emessa nei confronti di Alessandro Vecceloque Pereloque, 23, residente a Catanzaro. Tutti, oggi, sono destinataria degli avvisi di conclusione delle indagini preliminari. Con loro, nell’elenco, figurano altri otto indagati a piede libero: Alì Ait Ali Ousaid, 34 anni, nato in Marocco ma residente a Borgia; Simone Bevilacqua, 32, residente a Catanzaro; Saverio Chiarella, 30, residente a Squillace ma domiciliato a Borgia; Rocco Femia, 31, residente a Catanzaro; Antonio Gallella, 26, residente a Squillace; Giuseppe Ponissi, detto Peppe, 31, residente a Squillace; Pietro Tieni, 29, residente a Squillace; Francesco Varano, alias “Varenne”, 27, residente a Squillace. La posizione de diciottesimo indagato - Gaetano Gualtieri, detto Nino, 46, residente a Roccelletta di Borgia - accusato di detenzione di armi è stata infine stralciata; assistito dagli avvocati Arturo Bova e Antonio Lomonaco, ha già chiesto ed ottenuto di essere giudicato con il rito abbreviato.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X