Giovedì, 20 Settembre 2018
VIBO VALENTIA

Bancarotta fraudolenta
Tre imprenditori
finiscono in manette

Continuavano ad operare nello stesso settore e con la stessa struttura aziendale della società fallita che, "sulla carta", era stata trasferita nel giro di pochi mesi a due persone residenti in Piemonte, ma che di fatto continuava ad operare nel vibonese con un'altra ragione sociale. E' la tecnica utilizzata dai fratelli Ivano, Emiliana e Giuseppe Ceravolo, i tre imprenditori vibonesi arrestati stamani insieme al loro commercialista, Sergio Scalise, di Lamezia Terme per bancarotta fraudolenta dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Vibo Valentia. Lo stratagemma, secondo l'accusa, era finalizzato a sottrarre disponibilità finanziarie ed altre utilità al concordato fallimentare che, tra l'altro, non ha trovato alcun documento contabile per la ricostruzione del volume d'affari e degli altri fatti societari. Un'operazione per la quale sarebbe stato fondamentale il contributo del commercialista, che ha consentito il fittizio trasferimento di quote societarie. L'indagine della Guardia di finanza che ha portato agli arresti domiciliari gli imprenditori ed il professionista è iniziata lo scorso anno su delega della Procura di Vibo Valentia che ha posto la propria attenzione sulla procedura concorsuale nell'ambito della quale è stato dichiarato il fallimento della società Food Service, operante nella produzione e vendita all'ingrosso e al dettaglio di prodotti ittici surgelati e alimentari in genere. L'attività investigativa, concentrata sull'ipotesi della distrazione di beni dalla procedura, così come segnalato dagli stessi giudici della Sezione fallimentare del Tribunale, ha permesso ai finanzieri di accertare che gli arrestati, attraverso vari artifici economico-contabili e la costituzione di altre società alter-ego della fallita, la Cerpesca e la Cerpesca Ceravolo, avevano distratto dal patrimonio aziendale beni societari e risorse finanziarie per centinaia di migliaia di euro. Nel corso dell'operazione sono state sequestrate le società Cerpesca e Cerpesca Ceravolo, per un valore di un milione di euro. L'inchiesta è frutto della collaborazione instaurata tra la Sezione fallimentare del Tribunale di Vibo Valentia, la Procura e la Guardia di finanza che ha portato, nell'ultimo periodo, all'arresto di 15 persone ed al sequestro di beni per 7,5 milioni di euro. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X