Martedì, 25 Settembre 2018
CATANZARO

Il rettore “blinda”
cardiochirurgia

fondazione campanella, Catanzaro, Calabria, Archivio
abramo e quattrone

Sale di tono la polemica sulle spoliazioni a scapito della sanità catanzarese. Il rettore dell’Università, Aldo Quattrone, scende in campo a sostegno della cardiochirurgia pubblica dell’Azienda Mater Domini annunciando che mai e poi mai sottoscriverà l’intesa sulla creazione a Reggio di una “succursale” del centro cuore catanzarese se non saranno mantenuti i posti letto cardiochirurgici cittadini. «Accetteremo quelli di Reggio solo se aggiuntivi rispetto ai nostri », annuncia. Emerge che la questione del centro cuore e le sorti della Fondazione Campanella sono strettamente intrecciate e che l’intesa che la Regione finora non ha voluto sottoscrivere risolverebbe entrambe le vertenze. E il Rettore si chiede: «Perché la Regione non firma l’intesa? Qual è il problema? E perché non spiega i motivi per cui non firma? Eppure si tratta di un atto obbligatorio in forza della recente legge regionale 63 sulla Campanella, non impugnata dal Governo». Il timore è che la Fondazione sia costretta a chiudere, sommersa dai debiti e dai decreti ingiuntivi. Oggi i dipendenti del polo oncologico Campanella torneranno in piazza «non per protestare ma perché, a pochi giorni dal voto, i politici si accorgano della catastrofe che ci stanno facendo vivere ».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X