Martedì, 25 Settembre 2018
VIBO VALENTIA

La mano dei clan
sulle guardianie
dei villaggi

mancuso, villaggi turistici, Catanzaro, Calabria, Archivio
questura cz uscita

Il collaboratore di giustizia Pietro di Costa già titolare di un istituto di vigilanza privata, con sede a Tropea ma con operatività provinciale, ha raccontato agli inquirenti di avere presentato numerose denunce nei confronti di concorrenti sleali, narrando «episodi che lo avevano visto vittima di usure ed estorsioni».

L’imprenditore escusso dai magistrati antimafia il 6 dicembre 2010, sosteneva che la criminalità organizzata facente capo ai Mancuso controllava nei comuni di Ricadi, Parghelia e Tropea attraverso i La Rosa e Agostino Papaianni quasi tutte le strutture turistiche. Secondo l’imprenditore la pressione delle cosche era così forte che imponevano anche le forniture ortofrutticole e il personale. Il collaboratore ha inoltre affermato che per lavorare nel settore della vigilanza si è dovuto rivolgere, senza ottenere niente, ad Agostino Papaianni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X