Mercoledì, 26 Settembre 2018
CATANZARO

Picchia la fidanzata
e aggredisce i Cc

di
spiridetti, Catanzaro, Calabria, Archivio

 Ancora un nuovo caso di donne vittime della violenza e della brutalità degli uomini. Almeno secondo la tesi accusatoria dei carabinieri della Stazione di Catanzaro Lido, guidata dal maresciallo Antonio Macrì, che hanno arrestato un trentenne, Matteo Spiridetti, residente nel quartiere marinaro del capoluogo per lesini nei confronti della fidanzata e resistenza a pubblico ufficiale. Tutto si è svolto nella tarda mattinata di ieri nell’abitazione di Spiridetti dove si era recata la fidanzata. I due, secondo una prima sommaria ricostruzione dei fatti, sarebbero stati temporaneamente da soli nella casa. La discussione tra i due, non si sa bene per quale motivo, sarebbe a un certo punto degenerata fino a che Spiridetti avrebbe iniziato a picchiare la giovane donna sino farle molto male. Il giovane, tra l’altro, le avrebbe addirittura sferrato un pugno nell’occhio. La ragazza avrebbe tentato di proteggersi ma inutilmente e, non potendo fare altro, sarebbe riuscita, appena si è divincolata dalla furia del fidanzato, a uscire dall’abitazione e a chiamare immediatamente i carabinieri e i sanitari del servizio medico d’urgenza del“118”. I medici, non appena sono giunti nel luogo in cui si trovava la ragazza, viste le sue condizioni, hanno subito trasportato la giovane donna al pronto soccorso dell’ospedale “Pugliese” dove è stata medicata per le ferite riportate, tra le quali anche un occhio tumefatto. La  prognosi per lei è di ventuno giorni, salvo complicazioni. Nel frattempo, i carabinieri hanno accompagnato anche il giovane al pronto soccorso in quanto la giovane donna, nel tentativo di difendersi, aveva anche lei causato dei graffi al fidanzato. Il giovane stava aspettando, piantonato, che i sanitari visitassero la fidanzata quando, forse avendo capito la gravità della situazione, ha aggredito il carabiniere che lo stava piantonando infliggendo al militare una testata sul naso. Il carabiniere, nonostante tutto, è riuscito a bloccarlo insieme al suo collega. Dopo la visita medica, Spiridetti è stato portato in caserma per le formalità di rito e, dopo aver avvisato dell’accaduto il sostituto procuratore della Repubblica di turno, Vincenzo Russo, i carabinieri lo hanno dichiarato in arresto per lesioni nei confronti della fidanzata nonchè per resistenza a pubblico ufficiale per aver aggredito il militare. Spiridetti è stato temporaneamente posto agli arresti domiciliari (su decisione del sostituto procuratore di turno) in attesa di essere processato col rito direttissimo in quanto arrestato in flagranza di reato. Il giovane, assistito dal proprio avvocato, dovrebbe quindi comparire questa mattina davanti al giudice al quale potrà fornire la sua versione dei fatti.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X