Lunedì, 24 Settembre 2018
CATANZARO

Operazione Medusa
36 condannati
della cosca Giampà

operazione medusa, Catanzaro, Calabria, Archivio
tribunale catanzaro

Sono stati tutti condannati i 36 imputati del processo scaturito dall'operazione denominata 'Medusa' condotta il 29 giugno del 2012, sotto le direttive della Dda di Catanzaro, da Guardia di finanza, polizia e carabinieri contro la cosca Giampà di Lamezia Terme della 'ndrangheta. La sentenza e' stata emessa, a conclusione del dibattimento con rito abbreviato, dal gup distrettuale di Catanzaro, Giovanna Mastroianni. Per tutti gli imputati l'accusa, a vario titolo, era di associazione mafiosa, estorsione, usura, danneggiamento, detenzione abusiva di armi e favoreggiamento. La condanna più alta (13 anni e otto mesi) è stata inflitta a Aldo Notarianni, uno degli esponenti di punta della cosca. Il capo del gruppo criminale, Francesco Giampà, detto "il professore", è stato condannato a 12 anni. Per il figlio di Giampà, Giuseppe, collaboratore di giustizia, è stata disposta la condanna a sei anni e otto mesi. Nel processo era imputata anche la moglie di Francesco Giampà, Pasqualina Bonaddio, condannata a cinque anni. Gli altri imputati sono stati condannati a pene varianti tra i dieci anni ed un anno e otto mesi di reclusione. Il pubblico ministero, Elio Romano, aveva chiesto la condanna di tutti gli imputati a pene tra 15 anni e due anni e quattro mesi. Il gup ha anche disposto il risarcimento dei danni alle parti civili tra cui figurava il Comune di Lamezia Terme, l'Associazione antiracket lametina, la Federazione nazionale delle associazioni antiracket e antiusura ed alcuni imprenditori vittime delle estorsioni. 

"La sentenza del processo 'Medusa' è molto importante per la città e per la comunità di Lamezia". Lo afferma, in una dichiarazione, il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. "Trova riscontro e conferma - aggiunge - tutto il lavoro istruttorio che è stato fatto in questi mesi. E viene fatta luce su tante pagine terribili della vita della città". "Vogliamo ringraziare - dice ancora il sindaco Speranza - magistratura e forze di polizia per il lavoro condotto. Speriamo che questo possa rappresentare un punto di partenza per una vita più libera e senza condizionamenti per gli operatori economici e per tutti i cittadini e per le istituzioni di Lamezia. Anche dalla sentenza viene confermata la giustezza della scelta del Comune di costituirsi parte civile nel processo". (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X