Mercoledì, 26 Settembre 2018
LAMEZIA TERME

Abusi invece che lavoro
chieste 2 condanne

rosario fiarè, Catanzaro, Calabria, Archivio
giustizia

Il sostituto procuratore di Lamezia Terme Santo Melidona ha chiesto una condanna a dieci anni di reclusione nei confronti di Rosario Fiaré, di 64 anni, sorvegliato speciale con obbligo di dimora nel comune di San Gregorio D'Ippona (Vibo Valentia) e ritenuto dagli inquirenti capo dell'omonima cosca, ed a dodici anni di Francesco Pannace (25), accusati, a vario titolo, di violenza sessuale di gruppo, violenza sessuale, induzione alla prostituzione, tentata violenza privata e violazione degli obblighi imposti. Fiaré e Pannace, insieme a Saverio Ferrise, al quale ieri la corte d'appello ha inflitto quattro anni di reclusione per tentato concorso in sfruttamento della prostituzione e concorso anomalo in violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo, erano stati coinvolti nell'operazione "bocca di rosa" eseguita a giugno del 2011. Secondo l'accusa, Ferrise procurava, dietro compenso in denaro, giovani donne italiana, bulgare e magrebine, a Fiaré e Pannace, attirandole con la prospettiva di un lavoro a San Gregorio D'Ippona quali badanti o fornaie. Ma, una volta presentate a Fiaré, alle donne venivano chiesti rapporti sessuali. Tra le donne c'era anche una quarantenne lametina con una situazione di disagio familiare alle spalle e la necessità di lavorare, alla quale venne proposto un posto come badante di un anziano del Vibonese che lei accettò. Lo stesso giorno, invece, subì violenza sessuale e denunciò tutto ai carabinieri, raccontando della violenza subita e di come fosse stata tratta in inganno, facendo arrestare i tre. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X