Venerdì, 21 Settembre 2018
LAMEZIA

Giampà: la verità
su dieci omicidi

cosca giampà, Catanzaro, Calabria, Archivio

Nelle oltre mille pagine dell’ordinanza che ha fatto scattare gli arresti dell’operazione “Perrseo” ce ne sono molte dedicate a sette omicidi e ad un tentativo fallito. Tutti ordinati dalla cosca Giampà dal 2004 al 2011. Pietro Pulice fu ucciso il 28 settembre 2005; Vincenzo SpenaeDomenico Vaccaro morirono il 26 ottobre dell’anno dopo; nel 2007 il tentato omicidio di Pasquale GulloePasquale Torcasio detto “Carrà”; Bruno Cittadino assassinato il 31 luglio 2008; Roberto Amendola fu bruciato vivo il 13 novembre di quell’anno; l’esecuzione mafiosa di Giuseppe Chirumbolo risale al il 31 marzo 2010; nello stesso anno l'omicidio di Nicola Gualtieri detto “Coccodrillo”; infine Francesco Torcasio eliminato il 7 luglio 2011. Per ognuno degli omicidi è stata fatta una dettagliata descrizione da parte della squadra mobile di Ctanzaro che ha condotto le indagini anche sulla base delle rivelazioni dei collaboratori di giustizia. Ricostruzione che è stata dettagliatamente riporta dal giudice delle indagini preliminari Abigail Mellace nell’ordinanza con la quale nella scorsa settimana sono finite in manette 66 persone, tra questi anche i mandanti, gli esecutorio e gli assistenti degli omicidi contestati.

L'articolo completo lo trovare sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X