Lunedì, 24 Settembre 2018
LAMEZIA

Ecco come il
clan entrava
nelle istituzioni

  Nell’operazione “Perseo” che ha mandato in galera 66 esponenti presunti del clan Giampà a Lamezia la parola “polito-politici” è ripetuta 168 volte, altre 128 il termine “elezione-elezioni” e in 74 casi “voto-voti”. A chiedere sostegno elettorale alla cosca sanguinaria, secondo l’accusa, sono stati il consigliere provinciale Gianpaolo Bevilacqua del Pdl, l’ex consigliere regionale Piero Aiello oggi senatore berlusconiano, e i due avvocati Tiziana D’Agosto e Giuseppe Lucchino candidati al Comune lametino con l’Udc ma non eletti.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X