Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Volevano far saltare in aria la casa di un giudice
LAMEZIA

Volevano far saltare
in aria la casa
di un giudice

La criminalità organizzata lametina aveva progettato di far saltare in aria l’abitazione di un magistrato. Una delle più potenti cosche che opera in città aveva infatti deciso di distruggere la casa di un magistrato che «aveva messo le mani dove non doveva metterle». La cosca che aveva deciso di commettere quest’azione criminale  non è quella dei Giampà, come si potrebbe facilmente  immaginare, ma un’altra famiglia che opera  da anni sul territorio e che è riuscita con abilità a nascondere i suoi “affari” criminali, grazie anche alla capacità di cambiare colore come un camaleonte, facendo così confondere gli investigatori  e la stessa magistratura inquirente.
 Questo anche grazie alla disponibilità di persone che apparentemente non hanno alcun rapporto con il mondo criminale, ma che in  realtà, attraverso la loro “faccia pulita”, fanno l’interesse della cosca alla quale appartengono. E tra queste persone ci sono diversi imprenditori.
 A rivelare che questa cosca (di cui per opportunità non riveliamo il nome in quanto sono in corso delle indagini per avere  riscontri ben precisi) è stato un collaboratore di giustizia che ha riferito di avere appreso da un imprenditore che il clan aveva deciso di far saltare in aria la casa di un magistrato «nel Natale del 2010».

La criminalità organizzata lametina aveva progettato di far saltare in aria l’abitazione di un magistrato. Una delle più potenti cosche che opera in città aveva infatti deciso di distruggere la casa di un magistrato che «aveva messo le mani dove non doveva metterle». La cosca che aveva deciso di commettere quest’azione criminale  non è quella dei Giampà, come si potrebbe facilmente  immaginare, ma un’altra famiglia che opera  da anni sul territorio e che è riuscita con abilità a nascondere i suoi “affari” criminali, grazie anche alla capacità di cambiare colore come un camaleonte, facendo così confondere gli investigatori  e la stessa magistratura inquirente. Questo anche grazie alla disponibilità di persone che apparentemente non hanno alcun rapporto con il mondo criminale, ma che in  realtà, attraverso la loro “faccia pulita”, fanno l’interesse della cosca alla quale appartengono. E tra queste persone ci sono diversi imprenditori. A rivelare che questa cosca (di cui per opportunità non riveliamo il nome in quanto sono in corso delle indagini per avere  riscontri ben precisi) è stato un collaboratore di giustizia che ha riferito di avere appreso da un imprenditore che il clan aveva deciso di far saltare in aria la casa di un magistrato «nel Natale del 2010».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook