Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
NEL CATANZARESE

Lago Ampollino
Denunciati romeni
a caccia di pesci

lago ampollino, pesca illegale, romeni, taverna, Catanzaro, Calabria, Archivio

 

Due pescatori di frodo, sorpresi ad esercitare l’attività sul lago Ampollino, nel parco nazionale della Sila, sono stati denunciati dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato che hanno sequestrato il pescato e due reti da pesca. Il personale del Comando stazione forestale di Taverna (Cz), è intervenuto in località "Verberano " del Comune silano a seguito di una segnalazione pervenuta al numero di emergenza ambientale del Corpo forestale dello Stato (1515) per la presenza di reti da pesca posizionate nel lago Ampollino. La pattuglia si è recata sul posto e ha verificato che in una porzione del lago, ubicata nella zona " 2" del Parco Nazionale della Sila, erano state collocate due reti da pesca di circa trenta metri ciascuno ben visibili da lontano per la presenza di galleggianti di colore rosso che fuoriuscivano dall’acqua. Non essendoci sul luogo nessuno, il personale del Corpo forestale dello Stato ha effettuato alcuni appostamenti sorprendendo due uomini di origine romena che procedevano alla raccolta delle reti piene di pesci. 
La forestale ha posto immediatamente sotto sequestro l'attrezzatura utilizzata per la pesca e ha liberato i pesci ancora vivi rimasti impigliati nelle reti, mentre il pescato ritrovato in un sacchetto, costituito da circa 10 kg di pesce della specie cyprinus carpio è stato sequestrato e consegnato al Cras di Catanzaro. I due romeni sono stati denunciati per la violazione delle norme in materia di aree ambientali protette attraverso l’esercizio illegale della pesca e sono state contestateloro delle violazioni amministrative alle norme regionali in materia di esercizio della pesca nelle acque interne. (AGI)

Due pescatori di frodo, sorpresi ad esercitare l’attività sul lago Ampollino, nel parco nazionale della Sila, sono stati denunciati dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato che hanno sequestrato il pescato e due reti da pesca. Il personale del Comando stazione forestale di Taverna, è intervenuto in località "Verberano " del Comune silano a seguito di una segnalazione pervenuta al numero di emergenza ambientale del Corpo forestale dello Stato per la presenza di reti da pesca posizionate nel lago Ampollino. La pattuglia si è recata sul posto e ha verificato che in una porzione del lago erano state collocate due reti da pesca di circa trenta metri ciascuno ben visibili da lontano per la presenza di galleggianti di colore rosso che fuoriuscivano dall’acqua. Non essendoci sul luogo nessuno, il personale del Corpo forestale dello Stato ha effettuato alcuni appostamenti sorprendendo due uomini di origine romena che procedevano alla raccolta delle reti piene di pesci. La forestale ha posto immediatamente sotto sequestro l'attrezzatura utilizzata per la pesca e ha liberato i pesci ancora vivi rimasti impigliati nelle reti, mentre il pescato ritrovato in un sacchetto, costituito da circa 10 kg di pesce della specie cyprinus carpio è stato sequestrato e consegnato al Cras di Catanzaro. I due romeni sono stati denunciati per la violazione delle norme in materia di aree ambientali protette attraverso l’esercizio illegale della pesca e sono state contestateloro delle violazioni amministrative alle norme regionali in materia di esercizio della pesca nelle acque interne. (AGI)

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook