Domenica, 23 Settembre 2018
MESSINA

«Rapporti sessuali
con preti e minori»

La Curia messinese si trova alle prese con un’altra brutta gatta da pelare. Complice, stavolta, una presunta storia di pedofilia, che vedrebbe come protagonista un frate quarantaduenne, originario del Vibonese, appartenente all’Ordine dei Domenicani, presso la parrocchia di San Domenico, a due passi dal viale Giostra.

Tutto nasce dalla denuncia di un finto camionista gay di Padova, che nei giorni scorsi si è presentato negli uffici di una Stazione dei carabinieri di Rovigo per raccontare una storia che ha lasciato di sasso i militari verbalizzanti. La querela (inoltrata anche al Tribunale ecclesiastico della Diocesi di Messina) nei confronti del frate si compone di sette fogli dattiloscritti e di quattro allegati, con tanto di cd che riprodurrebbe fonti di prova inequivocabili. L’autotrasportatore, indignato, alla fine dell’esposto chiede la punizione del monaco, scioccato da quanto appreso attraverso i contatti su Facebook e su Whatsapp. Il frate confida di avere intrattenuto rapporti sessuali con altri uomini e, soprattutto, con minori, uno dei quali di appena 5-6 anni. 

Ulteriori dettagli nell'edizione di oggi in edicola della Gazzetta del Sud

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X