Domenica, 21 Ottobre 2018
EMERGENZA

Catanzaro, il Comune cerca uno “sceriffo dei rifiuti”

di
catanzaro, rifiuti, Catanzaro, Archivio
Catanzaro, il Comune cerca uno “sceriffo dei rifiuti”

La città, o quantomeno gran parte del territorio comunale, è ridotta a un immondezzaio a cielo aperto. Colpa dell’inciviltà dei catanzaresi o problemi nella gestione del servizio di raccolta differenziata porta a porta?

La verità, probabilmente, sta in mezzo anche se la chiave di lettura del Comune fornisce una risposta differente: «Continuano a manifestarsi atteggiamenti contrastanti col rispetto dell’ambiente e del proprio habitat da parte dei cittadini, registrandosi, a tutt’oggi, fenomeni di abbandono di rifiuti di varia natura, anche speciali e pericolosi, da parte di ignoti e comportamenti non conformi e trasgressivi della disciplina di raccolta differenziata porta a porta da parte di alcuni condomini che, oltre ad occupare strade e marciapiedi pubblici per la collocazione delle postazioni di carrellati, li utilizzano in modo incontrollato e indiscriminato, depositando rifiuti noncuranti degli orari e dei giorni previsti per le varie frazioni di rifiuto differenziato». E ancora «persistono atteggiamenti irrispettosi delle più basilari regole del vivere civile, consistenti nel lasciare strade e marciapiedi insudiciati dalle deiezioni dei cani». L’atto d’accusa si conclude con un’amara ammissione: «Nonostante il lasso di tempo trascorso dall’avvio del sistema porta a porta dei rifiuti urbani, permangono elementi di criticità sotto il profilo dell’igiene e del decoro urbano, in netto contrasto con i lusinghieri risultati raggiunti nella percentuale di raccolta differenziata».

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X