Lunedì, 22 Ottobre 2018
NEL CAMPO

Lamezia, rom ucciso dopo una maxi-rissa

di
lamezia terme, luigi berlingieri, omicidio, rom, Catanzaro, Calabria, Archivio
Lamezia, rom ucciso dopo una maxi-rissa

Lamezia Terme

Un omicidio commesso per futili motivi. Al culmine di una maxi-rissa scoppiata nel campo rom di Lamezia Terme, per un quad rumoroso che circolava tra le baracche di Scordovillo e che avrebbe disturbato i residenti. In meno di 48 ore la Polizia di Stato e l'ufficio di Procura sono riusciti a individuare e fermare il presunto autore dell'omicidio di Luigi Berlingieri, il 51enne di etnica rom ucciso con un colpo in faccia sparato con un fucile caricato a pallettoni.

A finire nei guai è Salvatore Amato, 30enne, anch'egli residente nella baraccopoli più grande del Meridione, che era intervenuto per difendere il fratello Massimo, che stava per “soccombere” nella rissa scoppiata nella baraccopoli e che aveva coinvolto una ventina di persone. Amato avrebbe sparato ben 18 colpi, uno dei quali ha colpito a morte Berlingieri. Il 30enne è ora accusato di omicidio, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione. Ieri mattina il pm Emanuela Costa ha depositato la richiesta di convalida del fermo.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X