Venerdì, 21 Settembre 2018
MAIDA

Assessore comunale sotto tiro, tagliate gomme dell'auto

assessore, gomme auto tagliate, maida, Catanzaro, Calabria, Archivio
Assessore comunale sotto tiro, tagliate gomme dell'auto

Tutte e quattro le gomme dell’automobile parcheggiata sotto casa dell’assessore comunale di Maida Marianna Pettinato sono state tagliate in piena notte. Un gesto eclatante che ha scosso non poco gli animi della tranquilla gente del piccolo centro non troppo distante da Lamezia Terme. Peraltro, il fatto perpetrato ai danni dell’assessore Pettinato, con delega al Turismo e spettacoli, segue quello che è accaduto non più tardi di due mesi circa fa ai danni di un altro assessore comunale, Paolo Pileggi. In conseguenza di quanto avvenuto, il sindaco e l’amministrazione comunale hanno così subito espresso la loro «massima solidarietà e vicinanza all’assessore comunale Marianna Pettinato», scrivono in una nota i rappresentanti del Comune di Maida che denunciano il vigliacco gesto che «qualche delinquente ha perpetrato sull’auto di proprietà e davanti l’abitazione dell’assessore, tagliando tutte e quattro le gomme».

«Maida – prosegue la nota del Comune – non merita simili situazioni e comportamenti, né nei confronti di un amministratore comunale, né nei confronti di qualsiasi altro cittadino. Non più tardi di due mesi fa anche l’auto del consigliere Paolo Pileggi è stato oggetto di un gesto simile, del tutto inqualificabile». E proprio ieri mattina l’assessore insieme al sindaco si sono recati alla caserma dei carabinieri per sporgere formale denuncia contro ignoti. Pettinato fa parte di una compagine amministrativa guidata dal primo cittadino Salvatore Paone che proprio un anno addietro ha vinto le consultazioni comunali nella lista denominata “Libertà è partecipazione”; lista che ha visto lo stesso Paone sedere per cinque anni sugli scranni del consiglio comunale nelle fila dell’opposizione quando la maggioranza era guidata dal sindaco Natale Amantea prima delle elezioni comunali dello scorso anno. Intanto le indagini dei carabinieri sono già state avviate per identificare gli autori dell’atto intimidatorio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X