Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
'NDRANGHETA

I Grande Aracri da Cutro al Nord, definitive tre condanne

Il business delle estorsioni, le attività economiche, le infiltrazioni nella società “sana”. Dava ordini chiari ai suoi uomini il boss Nicolino Grande Aracri, a Crotone così come al Nord Italia, nelle “colonie” conquistate dalla ’ndrina partita da Cutro.

"Io gli ho detto “quanto vuoi guadagnare?”, “come devo fare?”, “dacci un po’ di lavoro, tieni conto che dobbiamo guadagnare pure noi”; lui mi ha detto “sì, sì, a disposizione”, gli ho detto “allora da oggi in poi mettiti a disposizione”.

La Direzione distrettuale antimafia di Brescia riteneva questa conversazione, intercettata nell’ambito delle indagini sulle ramificazioni della ’ndrangheta crotonese nel territorio di Mantova e Cremona, "un paradigma del concorso esterno in associazione mafiosa" contestato all’imprenditore Antonio Muto, allora scagionato in appello (e adesso in via definitiva) dall’accusa di aver fiancheggiato il clan di ’ndrangheta in Lombardia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook