Giovedì, 18 Aprile 2019
stampa
Dimensione testo
CARABINIERI

Dava la caccia a volatili protetti, bracconiere denunciato a Soverato

di

Reti per uccellagione, trappole e rami intrisi di colla. Con queste modalità a Soverato, in località Miraglia, si è per giorni realizzata una pratica illecita di caccia, che in Italia è considerata una forma di bracconaggio. È stata attuata con l’impiego di dispositivi fissi per la cattura indiscriminata e di massa di selvaggina volatile, fino a quando non sono arrivati i carabinieri a rilevarla. E nei controlli è emerso anche di più: la detenzione vietata di esemplari appartenenti a specie protette dalla Cites, l’organo che tutela fauna e flora protette dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione.

I controlli, inseriti in un più ampio servizio di vigilanza sull’attività venatoria clandestina in località agricole e montane, sono stati realizzati dalla stazione dei Carabinieri forestali di Davoli, in collaborazione con le guardie venatorie del Wwf e con la collaborazione del nucleo radiomobile dell’Arma di Soverato.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook