Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA DECISIONE

Medicina nucleare a Crotone, attività sospesa: inadeguati i locali dell'ospedale

di
attività sospesa, decreto calabria, medicina nucleare, ospedale crotone, ospedale san giovanni di dio, Maria Bernardi, Catanzaro, Calabria, Cronaca

«Sospensione, non chiusura». Il direttore generale facente funzioni dell'Azienda sanitaria provinciale Maria Bernardi precisa che l'attività dell'Unità operativa di Medicina nucleare presso l'Ospedale San Giovanni di Dio di Crotone è stata solo sospesa temporaneamente a causa dell'inadeguatezza dei locali.

«Mancano gli spazi “caldi” dove deve sostare il paziente irradiato. E le prestazioni sono molto aumentate. Per la sicurezza degli operatori e dei pazienti è stato necessario sospendere l'attività: sarà ripresa appena disponibili nuovi locali dotati di nuove attrezzature».

Alla domanda "quando?" la risposta è sempre la stessa: «Ci dev'essere l'approvazione del decreto Calabria - spiega - siamo in un momento di incertezza, ci vorrà tempo».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook