Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
SITUAZIONE DRAMMATICA

Uffici pubblici "invasi" da precari, oltre mille in tutta la provincia di Vibo

di

È un mosaico variegato, che restituisce un'unica desolante immagine, quella della precarietà. Precarietà fatta di donne e uomini accomunati dallo stesso status di precari e da un salario che mediamente oscilla tra le 500 e le 800 euro. Lsu/Lpu, Legge 15, Legge 40, Legge 12, ex Legge 15, ex art. 7, precari della giustizia, tirocinanti: tanti, distribuiti presso quasi tutti gli enti come l'Asp, l'Aterp, i Comuni, la Provincia e lo stesso Ufficio Territoriale del Governo, che da anni portano avanti una battaglia personale per vedersi riconosciuta la tanto agognata stabilità lavorativa.

Niente più contratti a termine, dunque, niente più rinnovi semestrali, ma una seria stabilizzazione che permetta loro di poter programmare la propria vita oltre il domani.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook