Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Laurearsi in carcere per cambiare vita, intesa tra ateneo di Catanzaro e penitenziario Caridi
L'INIZIATIVA

Laurearsi in carcere per cambiare vita, intesa tra ateneo di Catanzaro e penitenziario Caridi

di

Bilanci da far quadrare, numeri da incrementare e laureati da sfornare, ma tra le mission fondamentali dell'Università Magna Græcia di Catanzaro decolla quella della rieducazione dei detenuti attraverso il diritto allo studio.

Un obiettivo rilanciato dall'impegno diretto del coordinatore del corso di laurea in Giurisprudenza, Andrea Porciello, e del delegato del rettore nella Rete per i poli universitari penitenziari, Charlie Barnao. Nel carcere Ugo Caridi, dunque, la cultura è di casa con 24 iscritti.

In venti studiano Sociologia e quattro sono i detenuti alle prese con il percorso quinquennale in Giurisprudenza. Ben 17 conciliano il percorso universitario con il regime carcerario d'alta sicurezza.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook