Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Crotone, la colonna dorica non è vulnerabile. Confortanti i risultati degli studiosi

Analisi effettuate dall’Istituto nazionale di Vulcanologia e geofisica

La Colonna dorica non è al momento vulnerabile all’attività sismica che si registra nel territorio crotonese. Questo quanto emerso dallo studio condotto dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e dall’Istituto Gravina di Crotone, tutto sotto il coordinamento del professore Antonio Giulio Cosentino. Al progetto hanno collaborato anche i Vigili del Fuoco, il Polo museale di Crotone e l’Anc Brugherio. «In caso di evento sismico – ha chiarito Cosentino che è un geologo – non sono previsti effetti di amplificazione tali da minare la stabilità della colonna. Ma questo non vuol dire che questa condizione rimanga permanente nel tempo». Come ha spiegato l’insegnante-geologo la colonna è fatta di calcarenite, un materiale soggetto a deterioramento nel tempo per agenti atmosferici, ma anche per l’effetto della salsedine, e questo potrebbe nel tempo rendere la colonna più fragile rispetto a quanto non lo sia oggi: ecco perché una manutenzione costante e continua è importantissima.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

Digital Edition
Dalla Gazzetta del Sud in edicola

Scopri di più nell’edizione digitale

Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale.

Leggi l’edizione digitale
Edizione Digitale

Caricamento commenti

Commenta la notizia