Domenica, 01 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Manca un sito protetto per il pentito. Salta a Salerno l’udienza contro il boss di Vibo
OLTRAGGIO AL PM

Manca un sito protetto per il pentito. Salta a Salerno l’udienza contro il boss di Vibo

di
Difficoltà nel reperimento di un locale da cui collegare in videoconferenza Raffaele Moscato
boss vibo, oltraggio al pm, processo salerno, Pantaleone Mancuso detto
Pantaleone Mancuso

Sito protetto svelato e, dunque, che va; nuovo sito, quindi, che viene e sito che... non si trova. Comincia a diventare più complessa di quanto lo sia già la gestione dei collaboratori di giustizia perché alle inavvertite gaffe – come accaduto l’altro ieri nell’aula bunker di Lamezia Terme dove, erroneamente, è stata rivelata la località protetta da cui il pentito Andrea Mantella avrebbe dovuto deporre nel processo Scott Rinascita – si aggiungono problemi “tecnici” legati alla difficoltà di reperire salette da cui collegare in video conferenza i collaboratori con i Tribunali.
Un problema emerso in tutta la sua gravità ieri mattina a Salerno dove era in programma l’udienza del processo a carico di Pantaleone Mancuso (alias Scarpuni) accusato di oltraggio a magistrato in pubblica udienza, con l’escussione del pentito Raffaele Moscato. Ebbene la difficoltà di reperire un sito protetto da cui collegare il collaboratore ha fatto saltare l’udienza slittata al prossimo 1 giugno. Da quanto emerso a Salerno, al momento, ci sarebbero difficoltà oggettive a reperire un sito sia per i collaboratori sia per i detenuti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook