Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tavolini in piazza della Repubblica. Gli esercenti di Pizzo invocano regole
LA RICHIESTA

Tavolini in piazza della Repubblica. Gli esercenti di Pizzo invocano regole

di
Non ci stanno ad essere accusati di abusi però rivendicano anche il loro diritto a lavorare

I tavolini che hanno invaso piazza della Repubblica rappresentano sicuramente un increscioso problema ma, di sicuro non è l’unico. Automobili che entrano ed escono, dall’isola pedonale, Ztl da anni annunciata ma mai attivata, mancanza di controlli e addirittura licenze revocate ma non notificate. Più che piazza della Repubblica è… dell’anarchia. Ma intanto tra gli esercenti che avrebbero “abusato” degli spazi, c’è chi lo riconosce e chi se ne sente penalizzato e questo mentre si devono fare i conti con Piano del commercio inesistente e risorse umane risicate.

In un angolo della piazza c’è il locale di Francesco Marcello (“Spqr”) «Il discorso non mi riguarda. Ma, ci sono i controlli? – chiede il ristoratore –. Noi come esercenti e cittadini siamo sotto alle istituzioni e se non ci sono, non è colpa nostra. Ciascuno è responsabile di ciò che fa e, fintanto che ce lo consentono è normale che si vada avanti. Comunque, prima di puntare il dito, bisogna ricordare che veniamo da due anni disastrosi e oggi, potersi guadagnare un pezzo di pane è importante. Serve un controllo quotidiano: in piazza c’è un andirivieni di automobili benché sia isola pedonale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook