Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sanità a Vibo: i pazienti "consegnati" ai... privati
DISSERVIZI

Sanità a Vibo: i pazienti "consegnati" ai... privati

di
Tripla “fila” per eseguire esami ematici: telefonata al Cup, coda all’ufficio ticket e infine al laboratorio Dopo un ictus quattro mesi di attesa per la fisioterapia e per una colonscopia «non c’è disponibilità»

La prenotazione di una visita specialistica o di un prelievo di sangue con relativi esami ematici, la scelta o revoca di un medico, l’esenzione e il pagamento del ticket. Sembrano azioni semplici, ma sono delle vere e proprie imprese per gli utenti sempre più... dirottati verso il privato.

Così mentre in altre regioni e in altre aziende sanitarie si viaggia alla velocità della luce, nel Vibonese diventa complicato persino verificare quanti anticorpi i soggetti già vaccinati hanno sviluppato contro il coronavirus. «Non ci sono i reagenti». É questa la motivazione che ormai viene propinata da mesi.

«Ho lasciato le impegnative in luglio al centro prelievi Ex Inam – rileva Angela, affetta da sclerosi multipla –. Di tanto in tanto ci passo per chiedere se i reattivi sono arrivati, ma mi ripetono che non ci sono novità. Altre mie amiche – aggiunge – si sono dovute rivolgere a pagamento ai laboratori privati. É questo il male della nostra sanità – conclude –, foraggiare i privati a discapito delle strutture pubbliche e di chi non ha la possibilità economica di mettere mano al portafoglio».

Ma mentre il Covid corre veloce, la lentezza dei processi amministrativi lascia sconcertati. E non è solo l’epidemia a dare il senso della disorganizzazione in cui versa la sanità locale. Per le analisi del sangue i passaggi da fare non si contano più. Prima la prenotazione telefonica presso il Cup, poi il pagamento del ticket e le lunghe code nell’ufficio. A seguire la fila per il prelievo e successivamente l’attesa per il ritiro dei referti, perché si è ben pensato di non fare più pagare il ticket direttamente al Centro prelievi. Così, giusto per... complicare la vita dell’utenza. E tutto questo mentre naturalmente, andando nei laboratori privati con una fila è tutto risolto.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook