Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, l’imputata conferma: ero la prestanome di Antonio Gallo
BASSO PROFILO

Catanzaro, l’imputata conferma: ero la prestanome di Antonio Gallo

di
Udienza del processo con rito abbreviato scaturito dall’inchiesta della Dda

«Era Antonio Gallo a darmi ordini sulle fatture da emettere o sui prelievi da effettuare», è quanto ha sostenuto Concetta Di Noia confermando il suo ruolo di prestanome dell’imprenditore al centro dell’inchiesta Basso Profilo coordinata dalla Dda di Catanzaro. La donna ieri è stata interrogata dai pm Paolo Sirleo e Veronica Calcagno nel processo con rito abbreviato. Moglie di Tommaso Rosa, che da circa un mese ha scelto di collaborare con la giustizia, l’imputata ha spiegato che pur risultando titolare di due aziende lei non avrebbe avuto alcun potere decisionale, aggiungendo di essere stata stipendiata da Gallo con 400 euro al mese. In alcuni passaggi dell’interrogatorio i pubblici ministeri hanno evidenziato i troppi “non ricordo” dell’imputata che ha sostenuto di aver avuto contatti solo con suo marito e con l’imprenditore Gallo e ha affermato di non essere stata a conoscenza che Antonio Santo Bagnato fosse un affiliato ai clan del Crotonese.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook