Lunedì, 23 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta, revocato il carcere duro a Pasquale Pititto coinvolto nell'operazione Stammer
GIUSTIZIA

'Ndrangheta, revocato il carcere duro a Pasquale Pititto coinvolto nell'operazione Stammer

Il Tribunale di Sorveglianza di Roma, chiamato a decidere sulla proroga del regime di 41 bis disposta dal Ministro di Grazia e Giustizia nei confronti di Pasquale Pititto, presunto boss di Mileto, ha revocato la misura del carcere duro accogliendo i rilievi della difesa che peraltro di recente aveva ottenuto un annullamento con rinvio da parte della Corte di Cassazione.

Pasquale Pititto, difeso dagli avv. Francesco Sabatino, Giovanni Marafioti e Barbara Amicarella, era stato sottoposto al carcere duro in seguito all'arresto per l'operazione Stammer, essendo ritenuto dalla Distrettuale di CZ a capo di un cartello dedito all'importazione di centinaia di kg di stupefacente dal Sudamerica.

Pititto in primo grado è stato assolto dal Tribunale di VV a fronte di una richiesta di condanna a 30 anni di reclusione. Stessa pena invocata nel giudizio di appello, ma la Corte d'appello di CZ ha confermato la sentenza di assoluzione. Nel procedimento dinanzi al Tribunale di Sorv di Roma la Procura Nazionale Antimafia aveva insistito sulla proroga del regime di carcere duro anche sulla base del presunto coinvolgimento di Pititto nell'Operazione Milethos per l'omicidio Corigliano, ma i giudici accogliendo i rilievi della difesa hanno revocato il 41 nei confronti di Pititto che allo stato rimane detenuto in alta sicurezza in attesa di ulteriori determinazioni da parte del Tribunale di Sorveglianza di Bologna sulle sue condizioni di salute.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook