Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, nuovo sopralluogo nella casa dell’orrore. Analisi sul contatore e impianto elettrico
VERIFICHE

Catanzaro, nuovo sopralluogo nella casa dell’orrore. Analisi sul contatore e impianto elettrico

di
Accertamenti disposti dalla Procura

È durato circa tre ore il nuovo sopralluogo nella casa di via Caduti XVI Marzo 1978 dove il 22 ottobre scorso hanno perso la vita i tre fratelli Corasoniti Saverio, Aldo Pio e Mattia. Ieri le porte di quell’appartamento sono state riaperte per consentire nuovi accertamenti che possano dare certezze sulle cause dell’incendio. A eseguire il sopralluogo è stato il consulente, docente dell’Università della Calabria specialista in ingegneria elettrotecnica, cui si è rivolto il pm titolare del fascicolo Francesco Bordonali. In particolare l’attenzione, secondo quanto si è appreso, si è concentrata sull’impianto elettrico e sul contatore di casa Corasoniti. Agli accertamenti erano presenti anche l’avvocato Ettore Giovanni Fioresta, che rappresenta Vitaliano Corasoniti e la madre Maria Spina, che ha affidato l’incarico all’ingegnere Giovanni Brusco, mentre l’avvocato Francesco Gigliotti che assiste i parenti della signora Rita Mazzei si è affidato al presidente dell’Ordine degli ingegneri Gerlando Cuffaro. È tornato nella sua casa, seppur per un breve tempo, anche Vitaliano Corasoniti padre dei tre ragazzi uccisi dalle fiamme.
Stando all’incarico della Procura il consulente dovrà provare a sciogliere gli interrogativi che ancora persistono sull’origine delle fiamme. Più in particolare il pm ha chiesto di accertare se l’innesco del rogo sia scaturito da fenomeni elettrici.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook