Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rocca di Neto, i Corigliano “investigatori” per conto del boss Megna
L'INCHIESTA

Rocca di Neto, i Corigliano “investigatori” per conto del boss Megna

di
Chiese loro di scoprire l’autore d’un furto a Papanice Ieri gli interrogatori dal gip
Catanzaro, Cronaca
Mico Megna

I rocchisani facevano anche da “investigatori” per il boss di Papanice Mico Megna. Un curioso aneddoto emerge dal provvedimento di fermo emesso nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro che ha disarticolato la cosca Corigliano-Comito di Rocca di Neto, capace di radicarsi anche negli Stati Uniti.
L’episodio attenzionato dai poliziotti della Squadra mobile di Crotone che hanno condotto le indagini, riguarda il furto di una motopompa avvenuto nella frazione di Crotone a settembre 2021. L’apparecchio sottratto è dell’autista dell’anziano capobastone (che ha già scontato una condanna definitiva per associazione ‘ndranghetistica). E Megna si rivolge ai rocchisani per cercare di recuperare il maltolto non tanto perché «ci tenesse per la vittima – osservano pm Paolo Sirleo e Domenico Guarascio nel decreto di fermo - quanto piuttosto per l’onta recata da un evento commesso a Papanice, senza che lui ne sapesse nulla».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook