Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Sersale, il teatro in vernacolo riaccende le speranze di una comunità impaurita
ALL'AUDITORIUM

Sersale, il teatro in vernacolo riaccende le speranze di una comunità impaurita

Dopo due anni di paura che hanno creato un clima di attentato alla Libertà dei cittadini, finalmente anche a Sersale, lunedì 26 dicembre 2022, con replica in gennaio 2023, è stata riaccesa con il teatro la luce della speranza, indispensabile al recupero dei grandi valori dell'unità della famiglia, della scuola, dell'etica professionale, dell'arte, della cultura, della crescita, dello sviluppo e della vita di relazione che l'accogliente cittadina presilana merita! Grazie  al ruolo del Circolo Arci-Uisp "Il Piacere di stare Insieme" di Sersale, ormai in attività ultratrentennale. Così, nell'accogliente Auditorium De Andrè, di Porta del Parco, alla presenza del sindaco Carmine Capellupo, del vicesindaco Tommaso Berlingò, dell'assessore alla cultura Serafina Pettinato, e di un caloroso e qualificato pubblico che ha applaudito in mille occasioni, è stata rappresentata la commedia in tre atti "Chista Foze Annata!!!". (Iniziativa non a fini di lucro: Ingresso gratuito).

Scritta in vernacolo, da Peppino Spadafora e Ivone Procopio, si tratta  di un'opera teatrale ricca di spunti assai eloquenti. Il Sindacato Libero Scrittori Italiani sezione Calabria, presieduto da Luigi Stanizzi, coglie l'occasione per congratularsi con il gruppo teatrale, con l'Arci, gli autori, il regista, con tutti quelli che hanno contribuito per l'ottima riuscita dell'iniziativa apprezzata da centinaia di spettatori. "La città di Sersale - precisa Luigi Stanizzi - si distingue nettamente da tanti centri Presilani per sensibilità culturale e operosità, grazie a operatori come Spadafora e diversi altri  che da tanti anni offrono il loro generoso contributo d'amore alla loro terra. Va riconosciuto il merito e l'impegno del sindaco Capellupo, del vicesindaco Berlingò, dell'assessore alla cultura Pettinato, dell'intera amministrazione quando decidono di sostenere in qualunque forma le attività culturali di questo importante e rinomato centro montano".

Il presidente del Circolo, prof. Antonio Mazza, ha sottolineato: "TeaTrarci, è soltanto una delle tante attività dell'Arci, alle quali nessuno si deve sentire estraneo, siamo tutti coinvolti e corresponsabili nella stessa misura e speriamo di mantenere vivo lo stesso entusiasmo, che ci ha caratterizzato e contraddistinto nel corso degli anni!" Lo stesso entusiasmo, autentico, diretto e immediato, dei veri protagonisti della scena, sulla scena e per la scena, in ordine di apparizione: Serafina Borelli, nel ruolo di mamma, saggia, scrupolosa e responsabile; Monica Facciolo, in quello di sorella esigente e intempestiva; Antonio Schipani, di figlio maggiore;  Cinzia Perri, di moglie affettuosa; Marco Perri, bambino prodigio; Antonella Rizzetta, in quello di giovane sposa in attesa; Gabriele Scalise, in quello di giovane marito, forse anche un po' troppo apprensivo; Vincenzo Rizzo, nel ruolo di dipendente Enel; Lucia Borelli, di vicina di casa un po' invadente;   in quello di nipote furbetto e irresMauro Perri,ponsabile. Tutti comunque giovani talenti, artisti per vocazione e certamente anche stimati concittadini sersalesi, uniti dalla passione per il teatro! Compreso l'ormai affermata Manuela Lupia. "Il tutto - rimarca fra l'altro Pasquale Talarico autore sersalese che mantiene un legame viscerale con   la sua terra  -  in un clima di consolidato spirito di gruppo e di reciproco rispetto, che fa davvero tanto onore all'intera comunità sersalese, nonché alla scrupolosa regia di Peppino Spadafora, che gode del divino privilegio di essere sempre se stesso, autentico, diretto e immediato, a prescindere!"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook