Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Provinciali a Vibo, resa dei conti sulla tenuta delle coalizioni
ELEZIONI

Provinciali a Vibo, resa dei conti sulla tenuta delle coalizioni

di
Il puzzle delle alleanze nei centri del Vibonese, a una settimana dal voto
Catanzaro, Politica
Provincia di Vibo

Sarà il primo regolamento di conti in seno alle coalizioni, la prima occasione per gli scontenti di far valere il proprio voto. Alle elezioni provinciali si guarda soprattutto in questa chiave. A destra come a sinistra le consultazioni di domenica prossima serviranno per capire quali equilibri siano stabili e vacillanti.

La prima partita dentro la partita si giocherà nella città capoluogo. Ebbene, la sfida del centrodestra, specialmente di Forza Italia, partito di riferimento del sindaco in carica, è quella di portare a casa tutti i voti riconducibili a quell'area politica. Se così fosse, nell'unico comune di fascia E, dove il voto è facilmente controllabile, L'Andolina dovrebbe ottenere tutti i consensi dei gruppi di FI, Città Futura, FdI e qualcuno del Gruppo Misto, vera e propria incognita. Ciò significherebbe avere la maggioranza mettendo una seria ipoteca sul risultato finale in virtù del voto ponderato. Quanto agli altri principali centri della provincia, a Pizzo, secondo comune per grandezza, quasi diecimila abitanti, il centrodestra ha sostenuto l'attuale sindaco Sergio Pititto che dovrebbe ricambiare, ma nulla è scontato. Nessun problema, invece, per L'Andolina a Tropea, dove amministra Nino Macrì, vicinissimo a Giuseppe Mangialavori, come pure a Nicotera e Mileto, dove i rispettivi primi cittadini sono riconducibili all'area azzurra.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook