Lunedì, 23 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Catanzaro, al Petrucci-Ferraris-Maresca il progetto Erasmus+ come modello culturale e d'accoglienza
GUERRA IN UCRAINA

Catanzaro, al Petrucci-Ferraris-Maresca il progetto Erasmus+ come modello culturale e d'accoglienza

L’ IIS Petrucci-Ferraris-Maresca di Catanzaro nella giornata dedicata all’Unione Europea che si celebra il 9 Maggio, ha accolto la Professoressa Tetyana Falalyeyeva , dell’Università di Kiev – Ucraina ed il Professore Ludovico Abenavoli dell’UMG di Catanzaro, che porta avanti ormai da alcuni anni il progetto Erasmus+ per la medesima università, con scambi tra studenti della Facoltà di Medicina. Il progetto Erasmus+ ha festeggiato in questi giorni il suo 35mo compleanno, e mai come in questo momento, si avverte la necessità di collaborazione internazionale per formare la cittadinanza europea, per promuovere la Pace e per sostenere i popoli vittime di soprusi e guerre.

La Dirigente scolastica, dott.ssa Elisabetta Zaccone, attenta alle problematiche europee, ha organizzato questa giornata formativa al fine di sensibilizzare tutti gli alunni, una rappresentanza presente nell’aula conferenze del Petrucci e tutti gli altri collegati in remoto insieme ai loro Professori, al senso di collaborazione internazionale e alle problematiche che l’Ucraina sta vivendo in questo periodo storico. L’incontro ha visto la testimonianza della dottoressa e del proprio figlio, che, partendo dalla analisi storica dell’Ucraina, è passata all'indagine della guerra in atto in questi giorni, “Lasciare di corsa la propria casa, i propri affetti, il lavoro - ha detto Tetyana Falalyeyeva - non è stato facile, perdere la certezza di tutto ciò che si ha è angosciante”. Mentre il Professore Ludovico Abenavoli ha posto l’accento sull’importanza della cooperazione universitaria. La testimonianza della professoressa e del figlio, ha creato nei giovani studenti un senso di angoscia e tristezza, immedesimandosi soprattutto nel ragazzo che improvvisamente ha dovuto lasciare scuola e amici per trovare un posto sicuro dove poter continuare a vivere nell’attesa di tornare alla vita di tutti i giorni. Al termine delle loro testimonianze, molte sono state le domande poste dagli studenti

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook