Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Catanzaro, l'arcivescovo Maniago: sto “curando” una Chiesa ferita
L'INTERVISTA

Catanzaro, l'arcivescovo Maniago: sto “curando” una Chiesa ferita

di
Guida l'arcidiocesi di Catanzaro-Squillace in una fase molto delicata per la Curia del capoluogo

Alla guida della Diocesi è arrivato meno di 6 mesi fa. Un lasso di tempo breve ma comunque sufficiente per tracciare un primo bilancio di un mandato molto delicato. Monsignor Claudio Maniago, 63 anni, fiorentino e figlio di genitori friulani, è stato infatti spedito da Papa Francesco nel capoluogo calabrese con il preciso compito di rimettere in sesto una Chiesa scossa dalle dimissioni di monsignor Vincenzo Bertolone e attraversata da veleni e tensioni, non ultimo il caso della rimozione dal clero (per alcuni imputazioni penali del Codice di diritto canonico) di don Francesco Candia, segretario particolare dello stesso presule.
Qual è stato l’impatto avuto con la città e con la Diocesi?
«Sicuramente buono. Ho trovato un popolo di Dio desideroso di riprendere il cammino assieme al proprio vescovo. Mi ha colpito molto la bellezza di questo territorio, sospeso a metà tra la montagna e i monti. Questa è una terra di cultura e non solo per le radici storiche».
Quando arrivò a Catanzaro lei parlò di una “Chiesa ferita”. Cosa si nascondeva dietro quella significativa metafora?
«Usai quell’espressione per collegarmi al recente passato della Diocesi che aveva visto, addirittura, una riflessione del Santo Padre su alcune realtà su cui poi sono stati presi alcuni provvedimenti. Mi sono trovato di fronte a una Chiesa che aveva necessità di ripartire».
Il Movimento Apostolico sciolto dal Vaticano dopo 40 anni di attività rappresenta uno spartiacque nella storia recente della Chiesa calabrese. Ci sono possibilità di vederlo tornare in vita?
«Io non ho conosciuto questa realtà, mi fido ovviamente del percorso seguito dal Papa con la commissione apposita. Dubito che il Movimento possa riprendere il proprio cammino perché c’è una sentenza della Santa Sede e una riflessione del Vaticano con due dicasteri coinvolti».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook