Domenica, 25 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Vibo, la Città del libro seppellisce la... storia

Vibo, la Città del libro seppellisce la... storia

di

Cantieri fermi, in attesa delle autorizzazioni. Opere terminate aspettando un collaudo che prima o poi… arriverà. Arredi ordinati alle ditte che non arrivano per colpa del Covid, della crisi, della guerra in Ucraina, della crisi energetica e chi più ne ha più ne metta. Un capoluogo di provincia senza una piscina in attesa che le procedure, dopo che i fondi sono stati trovati, vengano messe in moto. La città delle eterne incompiute, insomma, con un patrimonio archeologico greco-romano e medievale che il mondo intero le invidia ma che è per buona parte inaccessibile, piange un destino amaro, in attesa che arrivi il mago Merlino o qualche personaggio di quella portata, tratto dal ciclo bretone o arturiano, a sbloccare la situazione. Piange la città delle Tangenziali mai realizzate, nella quale i quattrini per le grandi opere e lo sviluppo sono diventati debiti e disavanzo in grado di determinare un primo dissesto e forse anche il secondo. Udite udite: la grande colonia greca “Hipponion”, l’antica Monteleone”, attende il teatro da almeno 15 anni e le rovine che dovrebbero rappresentare la sua migliore risorsa sono negate a turisti, studiosi e semplici residenti, con tanto di cancelli chiusi e degrado incontrollato. Per non parlare della scala mobile, realizzata – pur a senso unico – nei pressi del Terminal bus – che è diventata una comica lunga tre o quattro amministrazioni, o il nuovo ospedale, garantito cinque o sei volte, con tanto di prime pietre conficcate nel suolo, e in totale stallo in attesa che accada qualcosa, anche qui, un miracolo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook