Mercoledì, 26 Settembre 2018
IMU

Cosenza la più cara
Sersale la meno esosa

Con un versamento medio di 183,89 euro Cosenza è la città calabrese in cui l'Imu sulla prima casa nel 2012 è costata di più mentre il comune in cui si è pagato di meno è stato Sersale con appena 31,52 euro (al decimo posto tra i Comuni più economici d'Italia). 

E' quanto emerge dagli ultimi dati sull'imposta municipale unica diffusi dal ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha fornito un'analisi comune per comune. Tra i capoluoghi di provincia calabresi, l'Imu più cara, dopo Cosenza, è stata pagata a Reggio con un versamento medio di 159,35 euro, a seguire Catanzaro (130,51 euro) e Vibo (123,64 euro) mentre l'importo più basso è stato registrato a Crotone, con una media di 76,32 euro. Tra i comuni calabresi meno cari ci sono Dinami (32,68 euro), Vazzano (35,19) e Acquaformosa (34,11), mentre tra i più cari San Fili (176,49 euro) e Castrolibero (169,06).

 Per quanto riguarda il gettito complessivo dell'imposta sulla prima casa, a guidare la classifica calabrese è Reggio, con 5.628.652 euro, seguita da Cosenza (3.124.120 euro) e Catanzaro (2.702.738 euro). Pari a 1.491.901 è stato l'ammontare complessivo dei versamenti a Rende, dove il costo medio dell'Imu sulla prima abitazione è stato di 143,09 euro, mentre 1.189.298 euro è stato pagato in totale a Lamezia Terme (media di 117,65 euro). Chiudono Crotone con un gettito di 843.955 euro e Vibo con 804.284 euro. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X