Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Operazione Perseo, a fine mese il verdetto
LAMEZIA

Operazione Perseo, a
fine mese il verdetto

giampà, op.perseo, Catanzaro, Calabria, Archivio

A fine mese scadranno i termini processuali relativi al procedimento “Perseo”. Un aspetto giudiziario che consentirà al pubblico ministero della Dda di Catanzaro di  richiedere   al giudice delle indagini preliminari di disporre il giudizio immediato  nei confronti delle persone che sono state raggiunte dal provvedimento di custodia cautelare, così come fu fatto per l’operazione “Medusa”.  Non è escluso che i difensori degli indagati chiederanno il giudizio abbreviato, un rito che consentirebbe agli imputati, nel caso venissero  condannati, di godere di uno sconto di pena, così come prevede il codice di procedura penale. 
Il procedimento  “Perseo”,  così com’è stato per  “Medusa”, i cui imputati sono stati condannati,  si fonda principalmente sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, soprattutto quelle rese da Giuseppe Giampà, figlio del “Professore”,   anche lui condannato nel procedimento “Medusa”. Un giudizio atteso da molti,  anche perché l’ex padrino (ora diventato collaboratore di giustizia) ha descritto uno scenario criminale che, come hanno scritto i magistrati in diverse ordinanze,  ha deturpato «una delle maggiori città calabresi». Un’associazione criminale che ha  condizionata   «pesantemente lo sviluppo economico,  politico e sociale della città della piana».  (Articolo collegato a pagina 23). Molti di quei verbali  che nella fase dibattimentale di “Medusa”  non sono stati accolti, sono stati invece allegati, insieme ad altri, al  fascicolo “Perseo”, dove vengono  ulteriormente descritti fatti e circostanze legate alla  cosca. E in questi atti il figlio del “Professore” ricostruisce non solo l’organizzazione della sua cosca, ma anche i profili criminali delle altre cosche che operano sul territorio, quelle dei “Cerra – Torcasio – Gualtieri”, la cosca  Iannazzo e  di altre ‘ndrine collegate a queste famiglie.

A fine mese scadranno i termini processuali relativi al procedimento “Perseo”. Un aspetto giudiziario che consentirà al pubblico ministero della Dda di Catanzaro di  richiedere   al giudice delle indagini preliminari di disporre il giudizio immediato  nei confronti delle persone che sono state raggiunte dal provvedimento di custodia cautelare, così come fu fatto per l’operazione “Medusa”.  Non è escluso che i difensori degli indagati chiederanno il giudizio abbreviato, un rito che consentirebbe agli imputati, nel caso venissero  condannati, di godere di uno sconto di pena, così come prevede il codice di procedura penale. Il procedimento  “Perseo”,  così com’è stato per  “Medusa”, i cui imputati sono stati condannati,  si fonda principalmente sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, soprattutto quelle rese da Giuseppe Giampà, figlio del “Professore”,   anche lui condannato nel procedimento “Medusa”. Un giudizio atteso da molti,  anche perché l’ex padrino (ora diventato collaboratore di giustizia) ha descritto uno scenario criminale che, come hanno scritto i magistrati in diverse ordinanze,  ha deturpato «una delle maggiori città calabresi». Un’associazione criminale che ha  condizionata   «pesantemente lo sviluppo economico,  politico e sociale della città della piana».  (Articolo collegato a pagina 23). Molti di quei verbali  che nella fase dibattimentale di “Medusa”  non sono stati accolti, sono stati invece allegati, insieme ad altri, al  fascicolo “Perseo”, dove vengono  ulteriormente descritti fatti e circostanze legate alla  cosca. E in questi atti il figlio del “Professore” ricostruisce non solo l’organizzazione della sua cosca, ma anche i profili criminali delle altre cosche che operano sul territorio, quelle dei “Cerra – Torcasio – Gualtieri”, la cosca  Iannazzo e  di altre ‘ndrine collegate a queste famiglie.

L'articolo completo lo trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook