Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Discarica Alli, spunta nuova ipotesi di truffa
CATANZARO

Discarica Alli, spunta
nuova ipotesi di truffa

discarica alli, Catanzaro, Calabria, Archivio

Importanti sviluppi nell’ultimo filone d’indagi - ne sulla discarica di Alli (nella foto): il pm Carlo Villani ha firmato una raffica d’inviti a comparire. Gli interrogatori, fissati nella seconda metà del mese, verteranno sul progetto per l’ampliamento della discarica, già oggetto di altre inchieste condotte dallo stesso pm e sfociate in altrettanti procedimenti. Truffa ai danni della Regione è l’ipotesi di reato al momento contestata. L’elenco degli indagati è aperto dai nomi di Stefano Gavioli, proprietario della società Enerambiente, e del suo stretto collaboratore Loris Zerbin, direttore tecnico della stessa impresa. Figurano poi tra i “nuovi” indagati una sfilza di tecnici regionali e dell’ex ufficio del commissario delegato per l’emergenza rifiuti. Secondo l’iniziale ipotesi accusatoria si sarebbe falsamente attestata la regolarità tecnica del progetto d’ampliamento in modo da procurare un ingiusto vantaggio alla società Enerambiente, nell’ambito di un apposito finanziamento.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook