Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Perde lavoro e si dà fuoco Morto camionista
CRISI

Perde lavoro e si dà fuoco
Morto camionista

 

E’ morto
Giuseppe Provenzano, l’autista di 38 anni che il giorno di
Pasqua si era dato fuoco all’interno della sua auto a
Filadelfia. L’uomo aveva riportato ustioni sul 60% del corpo ed
era stato trasferito all’ospedale Cardarelli di Napoli.
All’origine del gesto, secondo quanto avevano accertato i
carabinieri, vi sarebbe stata la perdita del posto di lavoro.
L'uomo, sposato e padre di due figli, era stato licenziato sei
mesi fa dalla ditta di Agrigento che a causa della crisi aveva
dovuto ridurre il personale.
Dopo essersi dato fuoco Provenzano, in un ultimo disperato
tentativo di recedere dal proprio intento, uscì dalla vettura e
si gettò in una fossa vicina piena d’acqua. Soccorso da alcuni
familiari, fu portato prima nell’ospedale di Lamezia Terme e poi
al Cardarelli. Le sue condizioni erano apparse subito molto
gravi.
Il feretro dell’uomo è giunto da Napoli a Filadelfia nel
pomeriggio di oggi e domani alle 10, nella chiesa di San
Francesco di Paola, si svolgeranno i funerali. Il sindaco De
Nisi, visto il grave lutto che ha colpito la comunità di
Filadelfia, ha proclamato il lutto cittadino invitando a fermare
le attività dalle 10 alle 12. (ANSA).

E’ morto Giuseppe Provenzano, l’autista di 38 anni che il giorno di Pasqua si era dato fuoco all’interno della sua auto a Filadelfia. L’uomo aveva riportato ustioni sul 60% del corpo ed era stato trasferito all’ospedale Cardarelli di Napoli. All’origine del gesto, secondo quanto avevano accertato i carabinieri, vi sarebbe stata la perdita del posto di lavoro.L'uomo, sposato e padre di due figli, era stato licenziato sei mesi fa dalla ditta di Agrigento che a causa della crisi aveva dovuto ridurre il personale. Dopo essersi dato fuoco Provenzano, in un ultimo disperato tentativo di recedere dal proprio intento, uscì dalla vettura e si gettò in una fossa vicina piena d’acqua. Soccorso da alcuni familiari, fu portato prima nell’ospedale di Lamezia Terme e poi al Cardarelli. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi.Il feretro dell’uomo è giunto da Napoli a Filadelfia, dove, nella chiesa di San Francesco di Paola, si svolgeranno i funerali. Il sindaco De Nisi, visto il grave lutto che ha colpito la comunità di Filadelfia, ha proclamato il lutto cittadino invitando a fermare le attività dalle 10 alle 12. (ANSA).

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook