Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Sorpreso a curare piantagione di canapa indiana
NEL CROTONESE

Sorpreso a curare
piantagione
di canapa indiana

isola capo rizzuto, piantagione, Catanzaro, Archivio

A Isola Capo Rizzuto i carabinieri hanno arrestato per coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti Domenico Liò, 42enne del luogo. In particolare, i militari, hanno scoperto una piantagione ubicata in località Vigne, agro della frazione Le Castella. In seguito all’individuazione, i militari si sono infiltrati nella zona boschiva, particolarmente aspra per la presenza di numerosi roveti e dopo diversi giorni di appostamento ed osservazione, hanno sorpreso il 42enne mentre era intento a curare la piantagione. In particolare qualche giorno prima i carabinieri avevano effettuato il sopralluogo del posto avendo conferma della presenza di una piantagione di "canapa indica" costituita da diverse aree al cui interno vi erano numerose piante dell’altezza compresa tra i 2 ed i 3 metri, perfettamente coltivate ed in ottimo stato vegetativo, sostenute da diverse canne di bambù fissate nel terreno. Durante il sopralluogo hanno appurato anche la presenza di un impianto di irrigazione finalizzato ad annaffiare la piantagione; nello specifico l’impianto era costituito da due tubi principali di cui il primo collegato ad un rubinetto posto all’interno di una porcilaia in disuso mentre il secondo scollegato ed interrato nei pressi di una porcilaia ove il padre dell’arrestato alleva dei suini. Quest’ultimo tubo interrato veniva di volta in volta collegato per permettere l'irrigazione delle restanti piante mediante l’allaccio ad un tubo mobile utilizzato per abbeverare i maiali li presenti. Entrambi i tubi in plastica si estendevano per tutte le aree coltivate della piantagione costituendo un articolato impianto di irrigazione goccia a goccia che permetteva di irrigare ogni singola pianta. All’interno della prima area i Carabinieri hanno trovato anche un essiccatoio in legno a cui erano appese delle reti metalliche utilizzate presumibilmente per l'essicazione delle piante, oltre ad insetticida e concime per far si che la piantagione crescesse rigogliosa. Complessivamente sono state trovate 9 piazzole per un totale di 88 piante, subito distrutte sul posto. L’arrestato, al termine delle operazioni, è stato condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari, secondo quanto disposto dall’Autorità Giudiziaria in attesa dell’Udienza di convalida rinviata a domani presso il Tribunale di Crotone. (AGI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook