Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Lamezia, multe alle squillo ed ai clienti

Lamezia, multe alle squillo
ed ai clienti

di
prostituzione, Catanzaro, Archivio
Lamezia, multe alle squillo ed ai clienti

Lucciole? Adesso c’è solo il rischio di malattie veneree, ma da giovedì 15 dicembre si potrà anche prendere una multa fino a 516 euro. Così l’amministrazione comunale dichiara guerra alle squillo da marciapiede, nel tentativo di arginare quantomeno il passeggio di ragazze seminude e molto spesso extracomunitarie che vendono il loro corpo. Uno dei mestieri più antichi del mondo che però tra qualche giorno in città sarà sempre più difficile fare per strada.

L’ordinanza del sindaco sta per essere pubblicata nell’albo pretorio. C’è ancora qualche piccola formalità da sbrigare. Ma il contenuto parla chiaro: fioccheranno le multe sia per chi si vende sia per chi è convinto di comprare l’amore con 50 euro. Perchè tutti e due, venditrici e compratori, rischiano di pagarla cara: da 250 a 516 euro.

Come individuare le lucciole? Si legge nell’ordinanza firmata da Paolo Mascaro: «È fatto divieto a chiunque di porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo ovvero nel mantenere abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo ovvero nel mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione». Questo per chi si vuole vendere. Ma ce n’è anche per chi compra: «Divieto di richiedere informazioni a soggetti che pongano in essere i comportamenti descritti sopra e di concordare con gli stessi l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento». Non solo. A chi ha l’abitudine di trattare con le squillo restandosene seduto in macchina si vieta «di eseguire manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale».

L’ordinanza prevede uno sconto se si paga la multa entro 60 giorni. Ma individua anche «programmi di sostegno e reinserimento psicologico e sociale sul territorio comunale per il recupero». Si tratta di un piano di riabilitazione per le ragazze che spesso sono costrette dai loro protettori a battere il marciapiede.

L’ordinanza entrerà in vigore poco prima del prossimo Natale e sarà valida fino al 31 dicembre del prossimo anno. Il provvedimento ha avuto anche l’approvazione della prefettura.

Le zone da tenere d’occhio per le forze di polizia sono Piazzetta Locomotiva, a ridosso della stazione di Lamezia Centrale, la vecchia Statale 18 tra la Marinella e Gizzeria, le complanari della “Due Mari”, e tutte le provinciali, in particolare quella che da Palazzo porta a Trigna e nell’area industriale di San Pietro Lametino. Verranno eliminate le lucciole da tutti gli angoli che frequentano? Si vedrà, ma di sicuro dal 15 dicembre sarà più dura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook