Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio «A 13 anni non sai cos’è la dipendenza»
LAMEZIA TERME

«A 13 anni non sai cos’è la dipendenza»

di

Non solo alla movida: si spaccia ectasy perfino davanti alle scuole e alle fermate dell’autobus

droga, lamezia, minori, Catanzaro, Calabria, Archivio
«A 13 anni non sai cos’è la dipendenza»

Vincenzo ha 39 anni, Giovanni ne ha 23 e Teresa 30. Sono giovani che hanno deciso di darsi una seconda opportunità, l’ultima per poter ritornare a vivere. Ad accomunarli storie di dipendenza da droga ed alcol.

Vivono nella comunità terapeutica “Fandango”, chi da pochi mesi, chi da un anno e solo ora si rendono realmente conto del circolo vizioso in cui sono entrati per quella maledetta bastarda: l’eroina. Hanno perso tutto. L’affetto dei propri cari, la dignità, la libertà, ed hanno visto morire i loro amici.

Hanno raccontato le loro esperienze nell’ambito di un progetto che la comunità “Fandango” e la cooperativa “Delta” portano avanti da quindici anni con l’Itc De Fazio, che ha sempre dimostrato grande disponibilità. «Collaboriamo anche con altri istituti della città», ha raccontato Valeria Mastroianni, assistente sociale e responsabile della comunità d’accoglienza, «però ce ne sono ancora alcuni che negano l’esistenza del problema dentro le scuole o preferiscono altri canali per fare prevenzione.

C’è molta diffidenza. Il nostro è un progetto gratuito, una valida opportunità di dialogo con i giovani sugli usi, gli abusi e le dipendenze, la nostra è una comunità aperta al territorio».

Attraverso questo progetto è stato possibile ricostruire anche uno spaccato del popolo giovanile delle notti lametine. «Se non bevi sei un disadattato, questa è l’ultima tendenza», ha spiegato ancora la Mastroianni, «bere fino a stare male, perché aiuta a socializzare, a superare paure e timidezza».

Ancora: «Grande clamore ha suscitato la notizia sull’utilizzo di Mdma, l’ectasy tra i minorenni della città, ma sappiamo benissimo che non si tratta d’una novità, gli spacciatori sono ovunque, è facile procurarsi ogni tipo di droga. Gli “sputapalline” sono davanti alle scuole, alla fermata dell’autobus o nelle piazze più frequentate della movida».

Non sempre le dipendenze sono legate ad un disagio familiare, Teresa per esempio ha raccontato di appartenere ad una famiglia unita e sana. Ha iniziato con l’ecstasy a 15 anni in discoteca per arrivare a bucarsi a 18. «La botta dell’ecstasy è talmente forte», ha raccontato, «che ti frastorna, e quando l’effetto finisce hai bisogno di qualcosa per riprenderti; di solito cominci a fumare oppio o eroina, e quando scopri l’eroina non hai bisogno di nient’altro».

E i genitori non si sono accorti mai di nulla? «No, mai, perché i genitori sono sempre gli ultimi a capire che c’è un problema diverso dalla semplice crisi adolescenziale, continuano a vedere i figli come delle vittime. La dipendenza ti fa diventare bugiardo cronico e molto credibile».

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook