Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Francesco forse ucciso altrove, trovati bossoli nel centro città
MILETO

Francesco forse ucciso altrove, trovati bossoli nel centro città

di
francesco prestia lamberti, Catanzaro, Calabria, Archivio
Francesco forse ucciso altrove, trovati bossoli nel centro città

«Non possiamo stare a guardare mentre uccidono i nostri figli». Il grido di dolore della mamma del quindicenne ucciso da un coetaneo a Mileto ancora rimbomba nelle orecchie di tutti. Un grido di dolore che, alla luce dell’immane tragedia, diventa un vero e proprio atto di denuncia e mette in luce le tante falle di un sistema sociale che definire sfilacciato è poco.

E mentre a Mileto si cerca di non dimenticare, di fare i conti con l’agghiacciante realtà, i carabinieri portano avanti le indagini perché la confessione del quindicenne che ha detto di aver sparato a Francesco Prestia Lamberti e le dichiarazioni spontanee di D. E. diciannovenne di Paravati – che si è presentato in Caserma il giorno successivo all’omicidio – a quanto pare non sarebbero sufficienti a far ritenere completo il quadro. Tant’è che sopralluoghi sono stati effettuati dai militari nel centro abitato di Mileto – praticamente alle spalle della villetta comunale – alla ricerca di bossoli. Lunedì sera, infatti, alcune persone avrebbero udito spari nella zona, provenienti proprio da largo Naccari. E le perlustrazioni avrebbero dato esito positivo perché bossoli pare siano stati trovati. Rimangono, comunque, da accertare i tempi (ovvero l’arco di tempo di esposizione dei bossoli) e il tipo d’arma compatibile. Una prima comparazione riguarderà senz’altro una pistola calibro 6,35, ovvero lo stesso dell’arma utilizzata per uccidere Francesco che il coetaneo avrebbe sottratto a un familiare che la deteneva legalmente e che non è stata ritrovata. Al contempo è stata sequestrata l’auto del diciannovenne allo scopo di sottoporla a specifici rilievi ma anche al fine di riscontrare le dichiarazioni spontanee di D. E. che, secondo quanto emerso, lunedì sera avrebbe avuto contatti con i due adolescenti, anzi avrebbe accompagnato la vittima nelle campagne di località “Vindicito” per l’incontro con l’altro adolescente. A suo carico non è stato disposto alcun provvedimento.

E un altro cono d’ombra, dei tanti che la grave vicenda presenterebbe – o almeno che sembra presentare considerato il riserbo assoluto mantenuto dagli inquirenti – riguarderebbe proprio la località in cui è stato ritrovato il corpo senza vita di Francesco a seguito delle indicazioni del coetaneo che si sarebbe autoaccusato del delitto. Nella zona, infatti, nonostante le capillari ricerche – anche con l’ausilio delle unità cinofile – non è stato rinvenuto alcun bossolo, né tracce di sangue che, comunque, potrebbero essere presenti sui vestiti della giovane vittima che sono stati anch’essi sequestrati. Per farla breve il sospetto è che il quindicenne possa essere stato ucciso altrove e poi portato a “Vindicito”. Modalità d’azione che tirerebbe in ballo altre persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook