Lunedì, 27 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Assolto imprenditore accusato di aver agevolato la cosca Giampà
LAMEZIA

Assolto imprenditore accusato di aver agevolato la cosca Giampà

catanzaro, imprenditore assolto, lamezia, medusa, tribunale, Catanzaro, Archivio
tribunale Lamezia

Assolto perché il fatto non sussiste: é la sentenza emessa dal Tribunale di Lamezia Terme nei confronti dell'imprenditore Filadelfio Fedele, arrestato nell'ambito dell'operazione "Medusa", risalente al 2014, e accusato di favoreggiamento personale, con l'aggravante di avere agevolato la cosca Giampà. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna di Fedele a quattro anni di reclusione. "Viva soddisfazione" per la sentenza è stata espressa dai difensori di Fedele, gli avvocati Pino Zofrea e Francesco Iacopino.

"Dopo sei anni di autentico calvario, personale e familiare - hanno sostenuto i due penalisti - la pronuncia assolutoria deliberata dal Tribunale lametino contribuisce a riaffermare la dignità di uomo 'onesto' in capo a Fedele, ingiustamente privato della propria libertà personale e ingiustamente accusato di fatti che, fondati su mere ipotesi e congetture, prive di riscontri, si sono ancora una volta infranti di fronte a un serio vaglio critico".

"Desideriamo condividere il risultato ottenuto con il collega Francesco Pagliuso (ucciso nell'agosto 2016, ndr) - hanno concluso Zofrea e Iacopino - per il significativo contributo offerto dallo stesso al raggiungimento della verità dei fatti e al conseguente positivo epilogo decisorio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook