Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rapina al bar, presi due minorenni
VIBO

Rapina al bar, presi due minorenni

boulangerie, minorenni, Catanzaro, Calabria, Archivio
Rapina al bar, presi due minorenni

La Squadra mobile presenta il “conto” a due minorenni a distanza di circa dieci mesi dalla rapina compiuta il 27 gennaio scorso ai danni del bar-caffetteria “Boulangerie” di viale della Pace.

Due ragazzi di 17 e 16 anni – entrambi del Vibonese – sono stati infatti individuati quali presunti autori del colpo e collocati in una comunità in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale per i minorenni di Catanzaro. Rapina aggravata in concorso il reato loro contestato.

Ai due adolescenti gli uomini della Squadra mobile – che hanno agito sotto il coordinamento del sostituto procuratore Maria Rita Tartaglia – sono arrivati al termine di una lunga e serrata attività di indagine scattata quasi nell’immediatezza della rapina e che a distanza di poche ore aveva portato all’arresto di due giovani (ma nei confronti di uno, subito scarcerato, non vennero rilevati gravi indizi di colpevolezza) e al sequestro delle armi e degli indumenti utilizzati dai rapinatori per compiere il colpo nel bar-caffetteria.

In particolare lo scorso gennaio nell’abitazione di Liviu Daniel Sarig, 19 anni di origine romena – ubicata a poche centinaia di metri di distanza dal locale pubblico preso di mira – durante una perquisizione gli agenti rinvenivano e sequestravano un revolver calibro 38 cromato e la replica di una pistola semiautomatica calibro 9x21 con canna otturata ma priva del tappo rosso, nonché svariate munizioni calibro 38, oltre ad alcuni capi di abbigliamento del tutto identici a quelli indossati dai due rapinatori, avvistati da alcuni poliziotti durante la fuga e inseguiti sino all’ingresso dell’abitazione del giovane romeno. Inoltre a supportare gli elementi investigativi raccolti il confronto con le immagini videoregistrate dal sistema di telecamere a circuito chiuso di cui il bar-caffetteria di viale della Pace è dotato.

Fatto sta che lo scorso gennaio, praticamente il giorno successivo alla rapina, veniva arrestato il romeno e venivano sequestrate le pistole e gli indumenti. Una partita non considerata chiusa tant’è che le indagini sono andate avanti e sono giunte a una svolta grazie anche al determinante contributo della Polizia scientifica. (m.c.)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook