Mercoledì, 26 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Estrae un kalashnikov e spara due colpi, arrestato 23enne
COTRONEI

Estrae un kalashnikov e spara due colpi, arrestato 23enne

di
cotronei, roberto gelfo, Catanzaro, Calabria, Archivio
Estrae un kalashnikov e spara due colpi, arrestato 23enne

Spara con un kalashnikov in un’area di servizio a Trepidò. Arrestato Roberto Gelfo, 23 anni, di Crotone. I militari della locale Stazione, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Crotone, hanno proceduto all’arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, del 23enne di Crotone Roberto Gelfo, con precedenti di polizia. Misura emessa in quanto l’uomo è ritenuto responsabile di minaccia aggravata, esplosioni pericolose, porto abusivo in luogo pubblico di armi da fuoco.

Secondo gli investigatori, lo scorso 24 ottobre, alle 12.30 circa, Gelfo, dopo essersi recato presso un’area di servizio in località Trepidò ed avere estratto dal bagagliaio della sua auto una mitraglietta kalashnikov e una pistola revolver, avrebbe esploso dei colpi a scopo intimidatorio.

Gli accertamenti dei carabinieri hanno confermato l’esplosione di due proiettili, dei quali uno ha danneggiato un palo, rimbalzando e conficcandosi nella pavimentazione e danneggiandosi un immobile di fronte al distributore. Il gesto sarebbe verosimilmente collegato al furto di sette quad avvenuto qualche giorno fa in un’autorimessa del fratello Alessandro, titolare della Sila escursioni sas. Non solo. Molte abitazioni estive, pare otto, sono state, inoltre, “visitate” dai ladri e in una di queste, di proprietà dell’imprenditore Paolo Gelfo, nonno di Roberto e di Alessandro, sono state lasciate sul tavolo del soggiorno quattro cartucce di fucile.

Infine, l’ultimo episodio, nella notte tra martedì e mercoledì scorsi, nella notte di Halloween, l’incendio dell’impianto di risalita nel villaggio Palumbo, sempre a Trepidò, di proprietà della Scalise Sport Group, società dei fratelli Armando e Salvatore Scalise di Crotone.

Le piste investigative battute dai carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro, diretta dal capitano Marco D’Angelo, e da quelli della stazione di Cotronei, tendono a valutare eventuali collegamenti fra i vari episodi criminosi che hanno destato preoccupazione nei cittadini e negli amministratori, al punto che il sindaco Nicola Belcastro sta valutando di rassegnare le proprie dimissioni davanti al prefetto lunedì prossimo, quando si riunirà il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica sui fatti di villaggio Palumbo, località turistica della Sila crotonese.

In questi ultimi giorni la Compagnia di Petilia Policastro ha svolto un servizio straordinario di prevenzione controllando 75 persone e 65 veicoli, con perquisizioni personali, veicolari e domiciliari. Il servizio è svolto a supporto delle indagini avviate dopo i recenti accadimenti di Cotronei. Nel medesimo contesto, i militari dell’Aliquota operativa petilina, dopo un’ampia battuta e accurate ricerche, hanno rinvenuto nel locale caldaie di un condominio una pistola revolver cal. 357 “Smith & Wesson”, 35 cartucce cal. 357 magnum e un fucile Beretta modello Ar 70 sport 222R, con matricola punzonata e caricatore inserito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook