Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
LAMEZIA

Due ergastoli per quattro omicidi

condanne, giampà, lamezia, omicidi, torcasio, Catanzaro, Calabria, Archivio
Due ergastoli per quattro omicidi

Ergastolo per l’ex boss della Montagna Vincenzo Arcieri e l’autocarrozziere Franco Trovato, 28 anni per Antonio Voci e assoluzione per Giancarlo Chirumbolo. Questa la sentenza di primo grado che ieri il procuratore generale Raffaella Sforza ha chiesto di confermare per gli autori di quattro omicidi di ‘ndrangheta a Lamezia tra il 2005 e il 2010. In piena guerra tra cosche tra il clan Giampà ed i Torcasio.

La pubblica accusa ha parlato ieri in Corte d’assise d’appello a Catanzaro, chiedendo anche l’acquisizione delle condanne nei grandi processi di mafia degli ultimi anni. Praticamente migliaia di pagine in cui boss e gregari sono stati condannati a pene pesantissime.

Nell’udienza d’appello sono stati ricordati gli omicidi di Pietro Pulice del 28 settembre 2005, Bruno Cittadino dell’agosto 2009, di Giuseppe Chirumbolo e Nicola Gualtieri che risalgono al 2010. Ad ordinarli è stato Giuseppe Giampà, boss pentito dopo essere stato arrestato nell’operazione “Medusa”. Ossessionato dal rischio di poter essere ucciso, a sua volta sentenziava condanne che i suoi killer eseguivano prontamente.

I particolari potete leggerli nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook