Giovedì, 24 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Costretta a emigrare per una flebo
CATANZARO

Costretta a emigrare per una flebo

di
catanzaro, flebo, malasanità, Catanzaro, Calabria, Archivio
Costretta a emigrare per una flebo

CATANZARO

Essere calabresi significa essere pazienti di serie B? Pare proprio di sì. Questa è la storia di Zaira: una ragazza di 35 anni, una casalinga molto attiva che si prende cura con amore di suo marito e delle loro due figlie.

[...]

Zaira ha bisogno, necessariamente, di fare delle flebo endovena di ferro. Fino a poco tempo fa questa terapia veniva realizzata nella struttura operativa di Oncoematologia del Pugliese-Ciaccio, un’eccellenza calabrese. Purtroppo, il Ferlixit, il farmaco che le viene iniettato, le causa una brutta allergia e da Modena, dov’è in cura, le consigliano il Ferlinject che, solitamente, viene somministrato a chi ha delle reazioni allergiche.

Sembra semplice. Ma purtroppo non lo è, perché a Catanzaro la giovane si sente rispondere che la Regione non dà la possibilità, nei propri protocolli, di utilizzare tale farmaco. E quindi? L’unica cosa da fare è recarsi in Emilia a intervalli settimanali per una semplice flebo di ferro. Una banalità diventa dunque un grandissimo ostacolo. Non è solo una questione economica ma si tratta di andare incontro a un’esistenza, già molto provata, che rischia di esser ancor più appesantita.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale o in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook