Mercoledì, 26 Settembre 2018
CATANZARO

Quiz noti prima delle prove, concorso a rischio

di
catanzaro, concorso, pugliese ciaccio, quiz, Catanzaro, Calabria, Archivio
Quiz noti prima delle prove, concorso a rischio

Qualcuno nel corso della prova pre-selettiva del concorso per infermieri dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio, il primo dopo 10 anni, avrebbe usato il cellulare per fotografare il test. Test inviato, poi, ad altri candidati. Questo rischia di rendere nulla la prova per tutti, anche perché il sospetto avanzato dal Codacons è che le domande circolassero già precedentemente al primo giorno del concorso. Tutto in Procura. Iniziano quindi i primi commenti tra chi ha sostenuto il concorso. C'è chi parla sui social, chi lo fa in chat privata e vengono così divulgate le prime fotografie di una verifica che avrebbe dovuto conoscere solo la commissione.

Sulla vicenda esprime forte preoccupazione la consigliera comunale Manuela Costanzo: «Se le indiscrezioni si rivelassero veritiere – dichiara – saremmo davanti ad un fatto di enorme gravità su cui le autorità giudiziarie preposte sono chiamate a fare luce. Da tutta questa storia emerge però un grosso dubbio: perché chi ha scoperto, in sede d’esame, i presunti candidati a fotografare i test non ha immediatamente segnalato l’accaduto alla commissione d’esame e allertato le forze dell’ordine? Sicuramente un intervento tempestivo sarebbe stato utile per identificare gli eventuali trasgressori e verbalizzare le denunce, acquisendo anche tutti i mezzi di prova necessari per dimostrare quanto successo».

Manuela Costanzo richiama alle proprie responsabilità tutti, nessuno escluso: «Di questo episodio devono assumersi la propria responsabilità sia i candidati, che hanno tenuto con sé il cellulare nonostante il divieto espresso, che la ditta esterna a cui è stato affidato il compito di garantire uno svolgimento sereno del concorso e che avrebbe dovuto maggiormente vigilare».

Non mancano nelle parole della consigliera riflessioni sui dipendenti a tempo determinato che da anni attendevano questo concorso per uscire dal precariato: «Oltre al danno, questa è una grande beffa per tutti i professionisti che per due anni hanno lavorato all’Ospedale, tramite contratti prorogati, e che in questo concorso, su cui nutrivano aspettative di stabilizzazione, sono stati messi alla stessa stregua di tutti gli altri candidati».

Il rischio è che a pagarne le conseguenze sarà l’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio «la cui credibilità – sottolinea Manuela Costanzo – non deve essere messa in discussione e che da anni attende di poter rimpolpare il personale infermieristico sia per assicurare una migliore assistenza ai pazienti che per porre un freno all’aumento delle spese».

Tutto ora è nelle mani della Procura, chiamata in causa per valutare la vicenda: «Le autorità giudiziarie indaghino su quanto successo e se fosse tutto vero, le persone coinvolte vengano escluse subito dal concorso e punite a tutela della serietà e della correttezza che devono caratterizzare una procedura così importante».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X